L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia.

I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e positiva rispetto ai mesi passati.

La fiducia dei consumatori

Dopo il calo di marzo, ad aprile è tornata a crescere la fiducia dei consumatori italiani, salita fino a 102 punti. In particolare tra le componenti dell’indice, il clima futuro ha registrato un incremento di 2,5 punti, arrivando a quasi 110 punti.

In generale quindi, sia il clima economico che quello personale migliorano avvicinandosi ai livelli pre-pandemia del 2018. Un recupero quasi completo rispetto alla caduta dovuta all’emergenza sanitaria, commenta l’ente statistico.

Pubblicità

Pubblicità

La fiducia delle imprese

Anche la fiducia delle impresa è in risalita in tutti i comparti, soprattutto per l’industria manifatturiera e delle costruzioni. Meno ampio è invece l’incremento del commercio al dettaglio, penalizzato in particolare dalle vendite online.

Tra i servizi di mercato spicca soprattutto il rimbalzo del turismo, ma anche quello dei trasporti che, con l’estate alle porte, attende decise accelerazioni degli ordini.

Sicuramente complici del miglioramento generale, l’effetto vaccinazioni e l’effetto aperture che non possono però subito cancellare i pesanti strascichi socioeconomici della pandemia, ma contribuiscono a dare speranza agli italiani, regalando un maggiore clima di fiducia.

Nonostante il clima fiducioso, le condizioni reali di vita delle famiglie, in termini reddituali sono rimaste praticamente immutate. Per questo motivo, ora servono interventi e miglioramenti economici reali che contribuiscano al trend positivo emerso negli ultimi mesi.