In un periodo di estrema incertezza con le aziende impotenti nell’affrontare investimenti ma affamante di conoscenza diventa estremamente indispensabile se non concorrenziale maturare formazione per i lavoratori.

Per questo motivo, nasce dal decreto rilancio e rifinanziato dal decreto agosto con risorse raddoppiate, il Fondo “Nuove Competenze”.

Il Bando per “Nuove Competenze”

Si tratta di un bando con modelli per richiedere finanziamenti utili alla formazione dei lavoratori.
Il decreto prevede la possibilità di ottenere le quote di retribuzione e contributi previdenziali dei lavoratori occupati nei percorsi formativi per nuove esigenze produttive dell’impresa, avvenute a seguito dell’emergenza Covid.

Pubblicità

Pubblicità

In particolare, sui progetti è necessaria la firma di accordi sindacali che devono illustrare i fabbisogni di nuove competenze legate alla trasformazione dell’impresa oppure destinati a promuovere l’occupabilità del lavoratore.

I corsi potranno essere erogati a tutti gli enti accreditati, istituti di istruzione, università e soggetti privati oppure organizzati in autonomia dalla stessa impresa che ha presentato domanda di contributo.

Sulla base di numero di domande accolte verrà stabilito l’importo massimo riconoscibile al datore di lavoro, diviso tra i contributi previdenziali e il costo delle ore di formazione.

Le modalità di richiesta del nuovo fondo di finanziamento nuove competenze vanno sottoscritte dal legale rappresentate dell’azienda ed inviate via pec con i moduli allegati al bando ANPAL
Non esiste un limite di domande per un’azienda, infatti, l’impresa può presentare più richieste, solo nel caso in cui si fa riferimento a diversi lavoratori.

L’erogazione del contributo è eseguita, su richiesta di ANPAL, dall’INPS in 2 tranche:

  1. anticipazione del 70%
  2. saldo richiesto al completamento dell’attività di sviluppo Nuove Competenze.

Per poter essere validi, i corsi dovranno iniziare entro 90 giorni dalla data di approvazione, ma per i fondi interprofessionali la scadenza sale a 120 giorni.

Un contributo fondamentale che difende l’importanza della formazione aziendale, elemento ormai indispensabile in grado di determinare il successo dell’azienda.