Arriva il bonus attività fisica per le spese sostenute nel 2022, ecco come funziona.

Sembra esserci un mese di tempo per poter inviare le domande per il bonus attività fisica, l’agevolazione prevista nella legge di Bilancio 2022 che copre le spese sostenute per l’attività fisica con un professionista.

Il contributo coprirà le spese regolarmente documentate e sostenute nel 2022, entro un limite di spesa pari a 1,5 milioni per il 2022.

Bonus attività fisica, in cosa consiste

L’agevolazione spetta dunque alle persone che, dal 1°gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, sostengono periodicamente spese per lo svolgimento di attività fisica adattata. Rientrano quindi, tutti quei programmi di esercizio fisico, non sanitari, prescritti per “situazioni specifiche”, come “patologie croniche o disabilità fisiche”, svolti con un professionista competente e in strutture non sanitarie per “migliorare il livello di attività fisica, il benessere e la qualità della vita delle persone”.

L’esatto ammontare del credito d’imposta sarà definito dall’Agenzia delle Entrate entro il 25 marzo 2023.

Bonus attività fisica: quali spese rientrano

Di fatto, il bonus compre tutti quei programmi di esercizi fisici, la cui tipologia e intensità sono definite attraverso l’integrazione professionale e organizzativa tra medici di medicina generale, pediatri e medici specialisti.

Tali attività devono essere in favore di persone con patologie croniche clinicamente controllate e stabilizzate, con disabilità fisiche che eseguono esercizi anche in gruppo sotto la supervisione di un professionista con specifiche competenze. I luoghi in cui devono essere fatti tali esercizi, non devono essere di natura sanitaria.

L’obiettivo del bonus è quindi il miglioramento del livello di attività fisica per persone adulte o anziane, ma che può includere anche soggetti con patologie dolorose, disabilità fisiche, ridotta mobilità, patologie croniche clinicamente controllate compresa osteoporosi.

Quando presentare domanda per il bonus attività fisica

Come riporta il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’11 ottobre 2022, si avrà  un mese di tempo per fare la domanda di tale bonus.

In particolare, le richieste andranno inviate a partire dal 15 febbraio 2023 al 15 marzo 2023 direttamente dal contribuente, ma anche da un intermediario, attraverso il servizio web disponibile nella propria area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Ai fini del bonus, nella domanda dovranno essere inseriti il codice fiscale del richiedente, l’importo documentato delle spese sostenute nel corso del 2022.

Successivamente, il 25 marzo 2023, l’Agenzia comunicherà il valore del credito d’imposta che spetterà ai beneficiari che potrà andrà di fatto a coprire i costi sostenuti nel periodo compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2022.

Pubblicità

Pubblicità