Novità nel 2022 per le agevolazioni fiscali e gli incentivi dedicati a chi si trova in stato di disabilità.

La legge 104 è stata aggiornata con una pubblicazione dell’Agenzia delle Entrate che dispone un vademecum dedicato all’acquisto di auto e altri veicoli a favore delle persone con disabilità.

Acquisto auto, i benefici attraverso la legge 104

I benefici di cui si può usufruire attraverso la legge 104, sono la detrazione irpef del 19% della spesa sostenuta per comprare la macchina e l’Iva agevolata al 4% anziché quella ordinaria del 22%.

Tra le altre agevolazioni c’è anche l’esenzione dal pagamento del bollo auto e dall’imposta per il passaggio di proprietà.

Infine, per chi rientra nella legge 104, viene prevista la validità retroattiva dei documenti che attestano la disabilità, indispensabili per ottenere l’Iva agevolata al 4% sull’acquisto dell’auto.

Rifornimenti con il Self-service assistito

Non solo, ma grazie ad un accordo tra i rappresentati dei distributori di carburanti e le associazioni che difendono i diritti dei disabili, le persone con difficoltà motorie potranno fare benzina con l’aiuto dell’operatore ma con il prezzo del self- service.

Insomma, grazie all’intesa “Self per tutti”, anche i disabili potranno usufruire degli sconti quando fanno benzina, con una disponibilità di oltre 430 stazioni di servizio che hanno aderito all’iniziativa.

I beneficiari delle agevolazioni della legge 104

La guida aggiornata dell’Agenzia delle Entrate pubblicata e aggiornata a febbraio 2022 consente ad alcuni beneficiari ad avere diritto dell’agevolazione:

  • Non vedenti (colpiti da cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore a un decimo a entrambi gli occhi, con eventuale correzione);
  • Persone con disabilità psichica o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • Non udenti (affetti da sordità congenita o acquisita durante l’età evolutiva);
  • Persone con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluri-amputazioni;
  • Persone con ridotte o impedite capacità motorie.
  • Nel caso in cui il portatore di handicap è fiscalmente a carico di un suo familiare e possiede cioè un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro, può beneficiare delle agevolazioni lo stesso familiare che ha sostenuto la spesa nell’interesse del disabile.

Pubblicità

Pubblicità