Da lunedì 15 novembre è partito il progetto Anagrafe online, il servizio dedicato a tutti i cittadini italiani per ottenere in modo completamente gratuito certificati anagrafici.

Come funziona

Il progetto lanciato dal Ministero dell’Interno che prede il nome di ANPR, ovvero Anagrafe Nazionale della Popolazione residente, punta a semplificare la burocrazia e velocizzare l’ottenimento di molti certificati anagrafici, evitando lunghe file negli uffici pubblici.

Si tratta quindi, di una banca dati nazionale che favorisce la digitalizzazione e il miglioramento di molti servizi pubblici per imprese, enti e cittadini italiani.

Ad oggi, la nuova anagrafe raccoglie dati del 98% della popolazione italiana. Oltre ai cittadini residenti in Italia, l’Anagrafe Nazionale possiede anche i dati di oltre 5,7 milioni di italiani residenti all’estero.

I vantaggi del nuovo servizio

Il progetto assicura elevati standard di sicurezza e permette ai singoli Comuni di interagire facilmente con le altre amministrazioni pubbliche. Gli uffici pubblici possono quindi dialogare tra di loro solo attraverso i dati inseriti, garantendo la certezza del dato scaricato senza duplicazioni, ma soprattutto velocizzando il servizio per i cittadini.

I vantaggi per i cittadini invece, puntano tutto sulla comodità di accedere a servizi più semplici, basati su informazioni costantemente condivise ed aggiornate.

Nell’ottica della semplificazione del rapporto cittadino e Pubblica Amministrazione la possibilità di rilasciare certificati anagrafici online e gratuiti rappresenta un’importante passo verso la semplificazione e l’innovazione a vantaggio dei cittadini che da qualsiasi dispositivo possono richiedere un documento ed ottenerlo immediatamente.

Cosa si può fare sull’Anagrafe Nazionale della Popolazione

Con un’anagrafe nazionale unica ogni aggiornamento sarà immediatamente consultabile da qualsiasi ente pubblico che accede alla banca dati, come l’Agenzia delle Entrate, Motorizzazione Civile, Inps e molte altre.

In particolare, all’interno del sistema il cittadino può fare diverse cose:

  • Richiedere autocertificazioni e visure: utili per consultare i propri dati anagrafici e quelli della famiglia, ma anche richiedere e stampare autocertificazioni sostitutive dei dati anagrafici;
  • Creare un profilo personale con la possibilità di indicare un recapito dove richiedere le notifiche automatiche e i certificati richiesti;
  • Ottenere certificati per se stessi o per un componente della propria famiglia anagrafica;
  • La possibilità di fare una rettifica dati in caso di errori sulle informazioni presenti nella propria anagrafica.

Quali dati possono essere scaricati gratuitamente

I certificati che i cittadini possono scaricare gratuitamente e in autonomia sono:

  • Anagrafico di matrimonio;
  • Anagrafico di nascita;
  • residenza;
  • esistenza in vita;
  • cittadinanza;
  • Residenza AIRE;
  • Stato di famiglia;
  • Stato Civile;
  • Residenza in convivenza;
  • Anagrafico di Unione Civile;
  • Contratto di convivenza.

Molto probabilmente a questi certificati se ne aggiungeranno molti altri nei prossimi mesi come ad esempio le procedure per il cambio di residenza.

Come accedere alla nuova piattaforma

Per poter scaricare i propri certificati in modo autonomo e gratuito è sufficiente collegarsi ai siti www.anagrafenazionale.interno.it oppure www.anagrafenazionale.gov.it .

Ai portali si accede con la propria identità digitale:

  • SPID;
  • CNS :La Carta Nazionale dei Servizi;
  • CIE: Carta d’Identità Elettronica.

All’interno del portale è possibile prendere visione dell’anteprima del documento per verificarne i dati. Se il documento richiesto è di un famigliare, viene mostrato l’elenco del nucleo per cui è possibile scaricare il documento necessario.