Da qualche giorno, il Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato il decreto contenente le modalità ed i termini per accedere al Fondo da 400 milioni destinato alle grandi imprese in momentanea difficoltà.

Fondo imprese in difficoltà

Con la pubblicazione del decreto si definisce la procedura per l’accesso all’agevolazione che punta a sostenere la continuità aziendale e il rilancio delle imprese in difficoltà.

I finanziamenti che verranno erogati dal fondo, fino all’esaurimento dei 400 milioni stanziati, saranno destinati al sostegno delle grandi imprese in momentanea difficoltà finanziaria.

Come funziona l’agevolazione

Le imprese in possesso dei requisiti, possono fare domanda per l’agevolazione che viene introdotta sotto forma di finanziamento agevolato da restituire in cinque anni.

L’importo però, non può essere superiore alternativamente al:

  • 25% del fatturato totale nel 2019 dell’impresa proponente;
  • Al doppio della spesa salariale annua dell’impresa proponente nell’anno 2019 o per l’ultimo esercizio, compresi di oneri sociali e del costo del personale che lavora nell’impresa;
  • Nel caso di imprese create dopo il 1 gennaio 2019, l’importo massimo del finanziamento non potrà superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività.

In ogni caso, l’importo del finanziamento concesso alla singola impresa non può superare i 30 milioni di euro.

I requisiti per accedere l’agevolazione

L’agevolazione spetta alle grandi imprese, anche in amministrazione straordinaria, operanti sul territorio nazionale operanti in qualsiasi settore, ad eccezione di quello assicurativo, bancario e finanziario.

Alla data della presentazione della domanda, le imprese devono essere in possesso di requisiti precisi:

  • Devono presentare prospettive di ripresa dell’attività;
  • Essere in temporanea difficoltà finanziaria a causa della della pandemia;
  • Avere una sede operativa e legale sul territorio nazionale;
  • Non devono essere sono sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie, o destinatarie di una sanzione interdittiva;
  • L’azienda deve essere regolarmente iscritta al registro per le imprese;

Il piano di rilancio dell’azienda

Ai fini dell’accesso all’agevolazione, le aziende devono presentare un piano di rilancio che illustri:

  • Le prospettive di collocazione dell’impresa sul mercato, giustificando la situazione di momentanea difficoltà e la capacità di rimborso dell’agevolazione concessa;
  • Le azioni che si intendo compiere per sollevare l’azienda e sostenere la ripresa dell’attività;
  • Le esigenze di liquidità per il proseguo dell’attività e le eventuali azioni che potrebbe compiere l’azienda per mantenersi operativa.

Presentazione delle domande

Le domande possono essere presentate a partire dalla ore 12.00 del 20 settembre 2021 e fino al 2 novembre 2021.

Per ottenere il finanziamento, sarà sufficiente accedere tramite SPID sul sito di Invitalia e seguire la procedure informatica.