Il Governo Meloni è allo studio per una pace fiscale che prevede lo stralcio delle cartelle fino a 2mila euro di debito. Quali potrebbero essere le novità.

Come dichiarato più volte, il nuovo Governo Meloni starebbe studiando la possibilità di cancellare le cartelle con debiti fino a 2 mila euro inserendola in una rottamazione quater.

Questa, infatti, sembra essere una vera priorità per l’esecutivo, anche se nei precedenti Governi qualcosa di simile, ma con regole diverse era già stato fatto. Al momento, però esiterebbero oltre mille miliardi di euro di carichi orami praticamente difficile se non impossibile da incassare.

Verso una nuova pace fiscale con la cancellazione  le cartelle fino a 2mila euro

Tra le valutazioni per una pace fiscale, l’importo dei debiti da stralciare che potrebbe essere tra i mille e i due mila euro.

L’altro elemento importante tocca le annualità. Infatti, nei precedenti stralci la pace fiscale riguardava gli anni dal 2000 al 2010. Infatti, sarà necessario tenere conto anche delle conseguenze dell’inflazione in modo da non gravare ulteriormente sui bilanci delle famiglie. Così, tra le ipotesi potrebbe esserci quella di far rientrare nella nuova definizione agevolata i carichi affidati alla riscossione almeno fino al 30 giugno 2022.

Pagamento a rate fino a cinque anni

Nella prossima rottamazione fiscale viene prevista anche la possibilità di pagare il debito con un allettante sconto su interessi e sanzioni. L’obiettivo dell’esecutivo è quello di pagare le imposte dovute sotto forma di forfait del 5% su interessi e sanzioni.

Non solo, ma si starebbe pensando di cambiare anche il piano dei versamenti. Se inizialmente era di 10 anni, ora il piano di versamento sarà rateizzato in cinque di anni.

Pubblicità

Pubblicità