Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese

Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni.
La relazione impresa–mondo del lavoro rispecchia la complessità di una società sempre più polarizzata tra ricchezza, di pochi, e povertà, questa viceversa in costante crescita. Se a questo si aggiungono i processi di robotizzazione, lo sviluppo del lavoro immateriale con le opportunità offerte dalla rete, fino ai sussidi, da alcuni visti come dei veri e propri disincentivi all’orientamento al lavoro, le problematiche assumono carattere di vera emergenza.
In compenso si diffondono lavori precari, a termine, part-time, interinali, a basso costo, in nero o lavoretti occasionali che in parte riempiono la mancanza di lavoro, ma che rimangono dei succedanei, generando di fatto ulteriore disagio.

In un’epoca contraddistinta da questo tipo di scenari è forte il bisogno di risposte con soluzioni efficaci e innovative, come quelle offerte dalla Rete YWN, la rete di imprese più grande d’Italia con oltre 500 aziende affiliate e più di 1.800 dipendenti distaccati.

YWN rappresenta un nuovo modello di business in cui le imprese, organizzate in rete, ottimizzano la gestione delle proprie risorse mentre, nel contempo, i lavoratori ottengono benefici e vantaggi concreti.
“Da quando abbiamo iniziato la collaborazione con la rete – afferma Mauro Di Chicco di Linkilaty – possiamo contare su un rinnovato ufficio HR specializzato nel comparto alberghiero, in grado cioè di comprendere le esigenze degli imprenditori alberghieri e di aiutarli a definire il proprio organico in struttura, con l’inserimento di personale qualificato. E parliamo di tutte le figure professionali: ricevimento, sala, cucina, piani. Tra i profili richiesti ci sono receptionist, chef de rang, camerieri di sala, baristi, cuochi, pasticceri, cameriere ai piani”.

L’ingresso in rete è gratuito e consente di realizzare tutta una serie di vantaggi ed opportunità proprio a partire dal reperimento di collaboratori qualificati, che… udite! udite!, non vengono assunti dall’azienda pur facendo parte a pieno titolo dell’organico. Questo grazie alle opportunità offerte, come previsto dalla legge, dal contratto di rete.
Sul fronte dei lavoratori, l’appartenenza alla rete assicura, per contro, continuità di lavoro con un ventaglio di proposte tra cui poter scegliere l’occupazione ideale e livelli di competenze sempre maggiori, grazie ai programmi di formazione previsti dal progetto. Completano i vantaggi una vasta gamma di programmi di welfare e di convenzioni che incrementano di fatto il potere d’acquisto individuale.

I lavoratori vengono assistiti costantemente: dall’eventuale transfer per raggiungere il nuovo posto di lavoro o per questioni di carattere amministrativo, con un servizio telefonico disponibile 7 su 7. Inoltre, i lavoratori vengono contattati alla scadenza del rapporto di lavoro in essere, per definire l’eventuale rinnovo o proporre collocazioni presso nuove sedi lavorative.
Un modello vincente di mobilità che, oltre a garantire continuità di lavoro al personale, ne incrementa costantemente le skill individuali, poichè entrando in contatto con realtà sempre diverse, si attingono nuove informazioni e capacità che vanno ad arricchire il proprio bagaglio di competenze.

La rete naturalmente è attiva in tutti i settori economici, dall’industria e artigianato al turismo, dal commercio, alla ristorazione, ai servizi, con programmi di assistenza all’impresa nella ricerca e selezione del personale, gestione delle risorse umane, marketing on e offline, servizi di welfare, consulenza per il controllo di gestione e performance management oltre al ricollocamento intrarete delle risorse associate.

Un servizio innovativo che soddisfa un bisogno attualmente sentito da molte aziende che garantisce qualità, competenza, tempestività e, quel che conta maggiormente, assoluta tranquillità dal punto di vista normativo.