Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021.

Bonus pubblicità 2021

Per il 2021 -2022, il credito d’imposta sarà riconosciuto nella misura unica del 50% del valore degli investimenti in pubblicità effettuati su periodici e quotidiani, anche in formato digitale. Il limite di investimento per poter usufruire del bonus pubblicità è pari a 50 milioni per ciascuno degli anni.

I beneficiari

Al bonus pubblicità 2021 possono accedere i lavoratori autonomi, le imprese o gli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa periodica o quotidiana, anche online e sulle emittenti radiofoniche o televisive nazionali o locali.

Il fondo totale stanziato per l’agevolazione, risulta pari a 90 milioni di euro annui, suddivisi tra le varie categorie:

  • 65 milioni saranno riservati alla pubblicità sui giornali quotidiani e periodici anche online;
  • 25 milioni per gli investimenti su emittenti radiofoniche, televisive locali e nazionali, analogiche o digitali, ma non devono essere partecipate dallo Stato.

Gli investimenti pubblicitari ammessi dovranno quindi essere effettuati sulle emittenti televisive radiofoniche sia analogiche che digitali iscritte al ROC.

La stessa regola vale per i quotidiani o periodici in forma stampata o digitali registrati presso il Tribunale, ovvero presso il Roc e dotati di un Direttore Responsabile.

Le novità del calcolo per il credito d’imposta

Una delle novità riguarda la base di calcolo del credito d’imposta ai fini della determinazione del bonus spettante.

Infatti, come indicato dal Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria, il calcolo non sarà più determinato dal valore incrementale dell’investimento realizzato o programmato nel corso dell’anno, ma toccherà l’importo dell’intero investimento programmato ed effettuato.

Da qui, viene stabilito che la percentuale del bonus pubblicità 2021 è fissata nella misura unica del 50% sia per gli investimenti sulla stampa e online, che per quelli su radio e tv.

L’invio della domanda

La nuova scadenza prorogata al 31 ottobre 2021 non cambia l’iter di presentazione delle domande per poter accedere al bonus pubblicità:

  • Il primo passo inizia tra 1 e il 31 ottobre 2021 con la “ Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” sulla quale vengono indicati i dati degli investimenti già effettuati e quelli che si intendono fare durante l’anno;
  • Il secondo passo, dal 1 al 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento è necessario presentare la “ dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”, utile per indicare gli investimenti realmente effettuati inseriti nella comunicazione precedente.

Infine, una volta terminato il procedimento per l’accesso al credito d’imposta, il Dipartimento dell’Informazione e dell’Editoria esamina le domande nel rispetto del limite di spesa, pubblicando l’elenco degli ammessi e l’importo del bonus pubblicità. Importo, da utilizzare in compensazione attraverso il modello F24.