Con Il costante progresso tecnologico e il miglioramento dell’efficienza dei prodotti in commercio, a partire dal 1 marzo 2021, sarà aggiornato l’intero sistema di classificazione degli elettrodomestici.

I criteri e le regole per la nuova assegnazione delle categorie energetiche, approvati dalla Commissione Europea, prenderanno in considerazione i nuovi standard tecnologici e gli obbiettivi di sostenibilità ambientale, basandosi sulla digitalizzazione e sulla semplificazione.

La nuova classificazione energetica in vigore dal 1 marzo 2021:

Infatti, con lo scopo di registrare maggiori livelli di efficienza energetica europei, saranno eliminate le ormai note classificazioni A+, A++ e A+++, introducendo una nuova scala che parte da G ( la più bassa) fino ad arrivare alla A.

La nuova etichettatura garantirà trasparenza sugli standard di efficienza, una semplificazione nella lettura della classe di appartenenza dell’elettrodomestico ed una maggiore attenzione alla sostenibilità.

Al fine di introdurre il concetto di semplificazione lanciato con la nuova ricodifica, accanto alla classe energetica comparirà un QR code che consentirà di accedere ad informazioni dettagliate relative ai consumi del prodotto acquistato con numeri estratti dalla banca dei dati europea dei prodotti per l’etichettatura energetica.

Cosa cambia con alle richieste del bonus mobili 2021:

La ricodifica del sistema dell’etichettatura energetica riguarda direttamente anche chi intende utilizzare il bonus mobili nel 2021.

Infatti, almeno nella prima fase, la nuova classificazione porterà all’addio alla classe A, perché sarà difficile trovare elettrodomestici tanto efficienti e tanto “ green” da rientrare nella classe più alta.

Quindi, dal 1 marzo 2021 gli elettrodomestici attualmente in classe A+++ potrebbero passare in classe C o B, mentre quelli in classe A++ potrebbero scendere fino alla E.

La rivoluzione riguarderà in prima battuta lavastoviglie, frigoriferi, televisioni, e lavatrici, mentre dal mese di settembre 2021 saranno incluse anche le lampade.

Per chi fosse realmente interessato a beneficiare del bonus mobili nel 2021, dovrà attendere indicazioni dall’Agenzia delle Entrate che renderà chiaro il perimetro degli acquisti ammessi al bonus mobili del 2021.

Secondo la Commissione europea, la nascita di questa nuova classifica potrebbe produrre un risparmio pari a 38 Twh/ anno entro il 2030.

Pubblicità

Pubblicità