Il Mise lancia una nuova app dedicata al sistema informativo nutrizionale realizzato in collaborazione con i Ministri di Salute, Politiche agricole, Iss e Crea.

Al fine di promuovere l’utilizzo del sistema italiano di etichettatura dei prodotti alimentari Nutrinform, il Ministero dello sviluppo economico ha disegnato una nuova applicazione per consentire ad ogni consumatore di ricevere immediatamente sul proprio smartphone tutte le informazioni nutrizionali necessarie relative ad un determinato prodotto da acquistare.

Nutrinform Battery, di cosa si tratta

 Con l’obiettivo di sostenere la battaglia a favore dello schema di etichettatura nutrizionale “Nutrinform Battery“, proposto dall’Italia, l’applicazione si inserisce nel quadro del negoziato sull’armonizzazione del sistema di etichettatura a livello europeo. 

Si tratta del sistema che l’Italia ha proposto alla Commissione europea come alternativa all’utilizzo della segnalazione con semaforo. Evidenzia calorie, grassi, grassi saturi, zuccheri e sale (standard EFSA) tramite un pittogramma simile a una batteria che si manifesta, inquadrando con l’app il codice a barre dei prodotti.

Come funziona

Particolarmente facile da utilizzare, la grafica dell’app permette di monitorare attraverso il simbolo della batteria, il consumo giornaliero di 5 elementi che sono alla base di una corretta alimentazione: calorie, grassi saturi, grassi, sale e zuccheri.

Inquadrando con la fotocamera del cellulare il codice a barre dei prodotti confezionati, il consumatore potrà conoscere la percentuale di calorie e nutrienti consumati nel corso della giornata, in riferimento alla porzione degli alimenti consigliata dai nutrizionisti secondo i valori stabiliti dall’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA).

Come scaricare l’applicazione

L’applicazione Nutriform battery è scaricabile gratuitamente da Apple Store e Play Store sui telefoni cellulari e i tablet. Si tratta quindi della versione digitale dell’etichetta dei prodotti alimentari promossa dai Ministeri dello Sviluppo economico, della Salute e delle Politiche agricole, alimentari e forestali, e realizzata in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) e i rappresentanti delle associazioni della filiera agroalimentare.

Si ricorda quindi, che informazioni nutrizionali fornite saranno espresse sulla base delle indicazioni Oms in materia di dosi quotidiane raccomandate. 

Pubblicità

Pubblicità