Con la pandemia, e la riduzione dei consumi molte grandi aziende introducono la nuova tecnica di marketing utilizzata per massimizzare i profitti, lo Shrinkflation.

Cos’è e su quali prodotti viene applicata

Il termine unisce la parola Shrinkage ovvero contrazione con Flation, in italiano rincaro. Con la Shrinkflation si definisce una tecnica di markting utilizzata soprattutto dalle grandi aziende per incrementare il più possibile i profitti.

Con questa tecnica le aziende affrontano la crisi dei consumi, vendendo un prodotto di dimensioni ridotte rispetto al passato, ma allo stesso prezzo.

Questo permette all’azienda di assicurarsi un margine di profitto più ampio, senza che il consumatore riesca notare immediatamente la differenza. La variazione infatti è davvero minima, ma con un impatto notevole su scala industriale.

Pubblicità

Pubblicità

Si tratta quindi, di un processo di riduzione delle dimensioni dei beni a largo consumo con prezzi per lo più invariato o addirittura rialzati.

Alcuni prodotti venduto con la tecnica della Shrinkflation

Tra l’elenco della categoria di prodotti a cui viene applicata questa tecnica rientrano Coca Cola con la bottiglia da 2 litri scesa a 1,75, Cornetto Algida e Magnum più leggeri rispetto al passato.

A questi, si aggiungono anche i prodotti di Milka con la cioccolata passata ad una confezione di 270 grammi rispetto agli originari 300 grammi.

Secondo l’Istat, in Italia i casi registrati dal 2012 al 2017 sono stati 7306, di cui 4983 prodotti con modifiche non solo nel confezionamento ma anche nel prezzo.

La reazione delle istituzioni

Nonostante molte aziende abbiano giustificato la riduzione delle dimensioni con la riduzione dello zucchero o la necessità di rivedere al ribasso l’apporto calorico, alle istituzioni questa sorta di “ Inganno” verso i consumatori non piace.

Infatti, anche se utilizzata per massimizzare i profitti e far fronte alla crisi dei consumi, la Shrikflation può essere considerata come un tentativo di attacco ai risparmi personali. Per questo, molte associazioni ed istituti stanno considerando delle iniziative per fronteggiarlo.

Pubblicità

Pubblicità