L’approvazione della Manovra finanziaria, con una dotazione totale di 37 miliardi di euro, porta cambiamenti anche sul delicato tema pensioni.

Sapendo che a partire dal 2022 l’età anagrafica per andare in pensione è di 67 anni, in molti potranno richiedere diversi tipi di pensione anticipata.

Arriva Quota 102, come funziona

Il 31 dicembre 2021 è scaduta Quota 100 che dava la possibilità di andare in pensione a 62 anni con 38 di contributi.

Dall’inizio del 2022 e solo per quest’anno, è attiva Quota 102 che permette di andare in pensione con 64 anni di età e sempre 38 anni di contributi.

Pubblicità

Pubblicità

Nonostante il provvedimento sia valido solo per il 2022, il diritto potrà essere esercitato anche negli anni successivi, ma solo se viene maturato durante l’anno.

Secondo il Ministero di Economia e finanza circa 60 mila lavoratori accederanno a questo tipo di pensionamento.

“Opzione donna”, cosa cambia

All’interno della nuova legge di bilancio “ Opzione donna” che permette alle lavoratrici di andare in pensione a 58 anni per le dipendenti e 59 anni per le autonome, con 35 di contributi, con un assegno interamente contributivo, non ha subito particolari modifiche.

A differenza dal metodo misto e da quello retributivo, il metodo contributivo prevede che la pensione si calcolata solo in base ai contributi versati durante la vita lavorativa e non in base ai redditi degli ultimi anni.

Ape Social: nuove categorie potranno beneficiarne

Anche l’Ape social è stata prorogata fino alla fine del 2022. In particolare, la misura permette di andare in pensione a 63 anni con 36 di contributi, o 30 anni se disoccupati o invalidi.

L’assegno per l’Ape social è pari a 1500 euro lordi fino alla maturazione dei requisiti per la pensione di anzianità.

Requisti per l’Ape Social:

  • Il lavoratore sta assistendo da almeno 6 mesi il coniuge o un parente di primo grado con invalidità grave;
  • Il lavoratore si trova in uno stato di disoccupazione per dimissione per giusta causa, licenziamento o scadenza del rapporto di lavoro;
  • Persona con riduzione di capacità lavorativa e riconoscimento invalidità almeno del 74%.

A questa platea di beneficiari con la Manovra vengono inserite altre categorie tra cui:

  • magazzinieri;
  • insegnati di scuola primaria e pre- primaria;
  • Operai specializzati, artigiani e agricoltori;
  • Professioni dei servizi sociali e sanitari;
  • Professioni dei servizi personali ed estetisti;
  • Marittimi imbarcati a bordo i personale dei trasporti marittimi;
  • Conduttori di mezzi pensanti e camion. E molti altri.

Pensioni, nel 2022 sgravi per i lavoratori dipendenti

Infine, nella nuova Manovra finanziaria anche una misura dedicata ai lavoratori dipendenti, soprattutto per chi ha un reddito medio – basso.
Nel dettaglio, si tratta di uno sgravio dello 0,8% dei contributi previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti con una retribuzione imponibile fino a 35 mila euro e valido solo per il 2022.

In sostanza, sommando lo sgravio ai vari tagli previsti, gli italiani che rispondono a questi parametri potranno trovare in busta paga fino a 400 euro per tutto l’anno.

Pubblicità

Pubblicità