Altri 6 miliardi per sostenere l’economia. Il Governo avrebbe in programma nuovi aiuti per ridurre lo shock causato prima dalla pandemia e poi dalla guerra.

Fino ad ora, le risorse complessivamente attivate dal Governo per sostenere l’economia da inizio 2022, salirà probabilmente a 21,5 miliardi. Un’azione significativa che cerca di rafforzare un’economia ormai debilitata. Al momento diverse le proposte sul tavolo.

Sblocca investimenti e fondo Pmi

Tra le novità, una proposta di Giorgetti per introdurre una norma che consentirà al ministro dello Sviluppo Economico di sbloccare investimenti da almeno 50 milioni in settori considerati strategici. Pressione dal Ministero dell’Economia anche per l’istituzione di un fondo da 200 milioni per le Piccole e medie imprese che realizzavano almeno il 20% del fatturato con la Russia, l’Ucraina o la Bielorussia e, a causa del conflitto hanno registrato un calo di incassi di oltre il 30%.

Superbonus, le novità

Nel pacchetto dovrebbe entrare anche la proroga al 30 settembre dei termini per accedere al meccanismo del Superbonus 110% per i proprietari di villette che completino almeno il 30% dei lavori.

Contemporaneamente, si sta cercando anche la soluzione sui criteri di calcolo di quel 30%, con l’ipotesi di conteggiare il totale dei lavori e non solo gli interventi legati al singolo bonus. In rifermento alla possibilità di indebolire di cessione frazionata, anche se al momento incompatibile, si sta prendendo in considerazione la reintroduzione della parziale cessione del credito senza alcun limite di frazionamento

Proroga taglio accise

Nei piani del Governo anche un ulteriore intervento sul taglio delle accise sulla benzina che dovrebbe essere confermato fino al 30 giugno. Potrebbe quindi continuare lo sconto da 25 centesimi al litro per i costi di benzina e gasolio. In particolare, questo intervento non prevede l’istituzione di nuovi fondi, perché dovrebbe autofinanziarsi attraverso l’extragettito Iva incassato a marzo.

Pubblicità

Pubblicità