Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate.

Notifiche cartelle esattoriali

All’interno del decreto sarà probabilmente inserita anche la proroga della sospensione delle cartelle esattoriali che potrebbe essere allargata ai livelli di reddito. Si tratterebbe quindi di uno stop parziale dell’attività di riscossione limitato alle famiglie in difficoltà.

In opzione, potrebbe essere inserito un meccanismo di notifica con decorrenza differita al ricevimento della cartella.

Con questo sistema, si lascerebbe il tempo necessario ai contribuenti di aderire alla rottamazione quater in arrivo con la riforma fiscale

Pagamenti e scadenze

Da quando sono rincominciate le attività di riscossione chi ha aderito al Saldo e Stralcio o alla rottamazione ter deve pagare: entro fine ottobre la quarta rata 2020: entro fine novembre le rate del 2021; entro fine settembre la terza rata in scadenza nel luglio 2020.

Vengono ammessi inoltre, 5 giorni di ritardo nel pagamento.

Condono cartelle

All’interno della riforma, saranno probabilmente attive le operazioni di cancellazione automatica dei debiti fiscali affidati all’agente di riscossione dal 2000 – 2010.

Questa operazioni riguarderà le cartelle fino a 5 mila euro, ma sarà disponibile solo ai contribuenti con reddito nel 2019 inferiore ai 30 mila euro.

Infine, insieme alla riforma del fisco saranno attese anche delle misure specifiche per lo smaltimento del magazzino del fisco.