Un bonus che permette un voucher dedicato ai giovani tra i 18 e i 35 anni interessati alla patente di guida per i mezzi pesanti.

La misura decisa dal Governo Draghi è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale e prevede lo stanziamento di 3,7 milioni di euro per il 2022 e di 5,4 milioni per gli anni dal 2023 al 2026.

L’agevolazione permette di agevolare la conquista della patente di guida dei mezzi pesanti per giovani tra i 18 e i 35 anni.

Bonus patente, cos’è e chi sono i beneficiari

Si tratta sostanzialmente di un voucher con un importo massimo di 2.500 da utilizzare nel periodo tra il 1° luglio 2022 e il 31 dicembre 2026, per la formazione professionale finalizzata al diventare autista del trasporto persone e merci.

Come detto, il voucher è destinato a cittadini italiani ed europei di età compresa tra i 18 e i 35 anni che hanno intenzione di conseguire la patente di tipologia C, C1, CE, C1E, D, D1, DE e D1E oppure la carta di qualificazione del conducente (Cqc).

L’obiettivo alla base dell’agevolazione,  è quello di incentivare la formazione professionale di nuove leve di conducenti per l’autotrasporto di merci/persone, tramite l’erogazione di un bonus che permette di coprire una parte delle spese necessarie alla patente.

Quanto vale l’agevolazione

Il bonus patente viene emesso sotto forma di contributo pari all’80% della spesa sostenuta dal soggetto interessato, ma con un importo massimo di 2.500 euro.

Si ricorda che potrà essere richiesto una sola volta per persona e non costituendo un reddito imponibile, non sarà calcolato ai fini del valore finale dell’Isee.

Bonus patente, la presentazione delle domande e le scadenza

Tutti i passaggi per l’erogazione del bonus verranno interamente gestiti dalla piattaforma “Buono patenti autotrasporto” sul portale del Ministero delle Infrastrutture. Un portale utile sia per gli aspiranti beneficiari che per le autoscuole che hanno interesse ad accreditarsi.

Si ricorda che il bonus è valido una sola volta per persona e per l’erogazione seguirà l’ordine cronologico dell’invio della domanda, ma fino ad esaurimento fondi messi a disposizione per ciascun anno.

Una volta approvato, il bonus dovrà essere utilizzato entro e non oltre i 60 giorni dalla sua emissione.

Ci sono poi altre scadenze da tenere presenti. Ad esempio, i titoli professionali, patenti o carta di qualificazione del conducente, devono essere conseguiti entro 18 mesi dall’uso dell’agevolazione.

Infine, entro 30 giorni dall’emissione della fattura contenente il valore del buono, alle autoscuole verrà liquidato il valore del voucher.

Pubblicità

Pubblicità