Arera e Antitrust annunciano di aver ricevuto segnalazioni di comportamenti in contrasto con l’ultimo Decreto Aiuti Bis, definendo cosa esattamente sono considerati comportamenti illegittimi.

Era inevitabile, le bollette sono finite sotto l’ispezione dell’autorità di regolazione dell’energia elettrica e del gas, proprio a causa di alcune pratiche commerciali scorrette.

In una fase in cui il costo dell’energia sta mettendo in difficoltà imprese e famiglie, in molti stanno approfittando di questa delicata situazione, proponendo ai consumatori pratiche commerciali scorrette e mettendo in atto violazioni della regolazione di settore.

Il divieto di modifiche unilaterali, le pratiche scorrette

All’interno dell’ultimo Decreto aiuti Bis, è stata inserita la sospensione delle clausole contrattuali che consentano modifiche unilaterali dei contratti di fornitura elettrica e gas naturale, in team di definizione di prezzo, fino al 30 aprile 2023.

Lo stesso decreto dispone anche l’inefficacia dei preavvisi comunicati, prima della data in vigore del decreto e fino al 30 aprile 2023, con l’unica esclusione di modifiche contrattuali già perfezionate.

Le diverse segnalazioni pervenute alle autorità riguardano proprio le violazioni di queste due regole.

Quando modifiche sono da considerarsi unilaterali e illegittime

Esistono due casi in cui si può parlare di illegittimità per modifica unilaterale del contratto. Il primo avviene quando il fornitore avanza una nuova proposta di rinegoziazione per squilibrio delle prestazioni, dovuto all’aumento dei prezzi, invocando così motivi di forza maggiore.

Il secondo caso considerato illegittimo invece, è connesso all’esercizio del diritto di recesso del contratto di fornitura con i propri clienti, anche con effetto immediato. Oltra ad essere illegittimi, questi sono considerati comportamenti aggressivi, sfortunatamente previsti da parte delle autorità.

Vista la presa in carico di queste segnalazioni, l’Unione Nazionale Consumatori si dice soddisfatta delle misure che stanno adottando le due autorità e del loro obiettivo nel contrastare il più possibile comportamenti commerciali illeciti che toccano la vulnerabilità di questo periodo.

Pubblicità

Pubblicità