A partire dal 28 settembre sarà possibile accedere al fondo pari a 23 milioni di euro per il nuovo bando a sostegno della valorizzazione economica dei brevetti.

Brevetti +

La dotazione messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico e gestita da Invitalia è nata per favorire la registrazione di marchi a livello mondiale per la valorizzazione di modelli, disegni e brevetti.

In particolare, l’agevolazione si rivolge alle micro, piccole e medio imprese e alle startup con sede legale e operativa in Italia.

Brevetti + viene emesso sotto forma di contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 140 mila euro, senza superare l’80% dei costi ammissibili.

A chi è rivolto il bando, i beneficiari

Le Pmi residenti in Italia possono accedere al bando, ma devono rientrare in determinate categorie:

  • Titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata dopo il 1 gennaio 2017 con un rapporto di ricerca con esito “ non negativo”;
  • Licenziatori o titolari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia dopo il 1 gennaio 2021;
  • Titolari di una domanda internazionale di brevetto o una domanda di brevetto europeo depositata dopo il 1 gennaio 2017 con un esito di ricerca “ non negativo”.

Oltre a questi requisiti, gli interessati devono essere in regola con il pagamento delle tasse di mantenimento in vita al momento della presentazione della domanda.

Cosa finanzia il bando Brevetti +

La misura punta ad alleggerire l’acquisto di servizi specialistici mirati alla valorizzazione e introduzione del brevetto nel processo produttivo e organizzativo dell’impresa.

Questi servizi si suddividono in tre specifiche aree:

  • Organizzazione e sviluppo: in questa area rientrano le spese a servizi per la progettazione organizzativa, organizzazione dei processi produttivi e l’analisi per la definizione di nuovi mercati;
  • Progettazione e industrializzazione: tutte le spese inerenti allo studio di fattibilità, la progettazione, lo studio del prototipo, la realizzazione, spese per test di produzione rilascio certificazione e le spese connesse alla domanda;
  • Trasferimento tecnologico: si inseriscono le spese per accordi di segretezza, concessione licenze del brevetto e contratti di collaborazione.

Come presentare la domanda

Le domande possono essere presentate a partire dal 28 settembre alle ore 12.00 solo attraverso la piattaforma dedicata messa a disposizione da invitalia.

La presentazione delle domande si prolungherà fino alla fine delle risorse messe a disposizione.