I vantaggi e le opportunità di mettere a rendita un immobile.

Chi non ha mai sognato di poter vivere di rendita?

Per quanto si possa essere appassionati del proprio lavoro, arriva sempre un momento
nella vita in cui ci si vorrebbe tanto dedicare ad altro. Un hobby, un’attività propria, la
famiglia, i viaggi e tutto ciò che può rendere la vita gradevole in ogni momento della
giornata.

Qualcuno è riuscito a concretizzare questo sogno, investendo nel mattone.

Fino a 10-15 anni si era ancora convinti che gli investimenti immobiliari fossero la
carta vincente per garantirsi un’entrata in più, senza grande impegno, che potesse
alleggerire dalle pene del lavoro.
Negli ultimi tempi, però, i venti sono cambiati. Dalla crisi immobiliare del 2008, fino
all’emergenza sanitaria legata al Covid-19, senza dimenticare la recente guerra tra
Russia e Ucraina e l’inflazione che ne è scaturita, le tendenze del mercato immobiliare
sono cambiate.
Non si può negare che, soprattutto la domanda di affitti immobiliari in alcune grandi
città è mutata notevolmente con gli ultimi avvenimenti storici.
Il senso di incertezza, la precarietà, per un certo periodo anche le restrizioni imposte dal
Governo, hanno impattato sulle richieste di appartamenti in affitto, nelle metropoli
italiane più gettonate.
Il risultato è stato un visibile rallentamento della domanda e una conseguente
impennata delle offerte immobiliari.
Con la ripresa della normalità, l’impasse sembra superato, ma le richieste degli inquilini
restano comunque mutate rispetto al periodo pre-pandemia.

Si tende a cercare case più ampie, complice il perdurare dello smart-working in molti
posti di lavoro, con spazi esterni vivibili, magari in zone periferiche e più residenziali,
dove gli affitti costano anche meno.
La questione costi, infatti, è diventata piuttosto cruciale e, in questo senso, le principali
città italiane sembrano correre a due velocità.
Ci sono capoluoghi che pur avendo accusato il colpo del calo di affitti non vedono una
proporzionale diminuzione di prezzo, altri invece che hanno allineato i canoni alle minori
richieste.
Tengono il passo le città da sempre più ambite, come Milano, Firenze, Genova, a
discapito di province meno aggredite dai fuorisede, come Isernia, Forlì, Sondrio.
In questo senso, si può valutare a priori quali sono le città in cui vale la pena investire in
un immobile da destinare all’affitto.
Certo, resta aperta la questione di come gestire tutta la procedura d’affitto, una volta
acquistato l’appartamento.
La strada più semplice sembra quella di incaricare un’agenzia immobiliare e permetterle
di gestire tutta la trattativa, dalla pubblicazione dell’annuncio, fino alla firma del
contratto. Un’opzione ancora più appetibile, se in ballo ci sono ristrutturazioni e
questioni condominiali da seguire.
La contropartita di questo grande supporto, però, è nella percentuale che si dovrà
corrispondere al mediatore, che, in alcuni casi, può raggiungere diverse mensilità di
canone.
L’alternativa è provare ad affittare casa in autonomia, destreggiandosi tra i diversi
adempimenti, magari col supporto delle più recenti innovazioni nel mercato immobiliare
legate all’avvento delle piattaforme online.
Anche se hanno tutte le sembianze di una vera e propria agenzia immobiliare, in realtà
non lo sono.
Questi siti specializzati nel matching tra domanda e offerta immobiliare sono stati
pensati per automatizzare la procedura senza l’intervento di alcuna mediazione.

Tanto per citare un esempio, avvalersi del canale di ricerca e di gestione dei contratti
d’affitto Zappyrent permette di affittare casa senza agenzia.
Questo perché tutta la procedura viene effettuata in autonomia, per ciò che concerne la
pubblicazione dell’annuncio, e in automatico sulla base degli algoritmi che guidano gli
utenti nella ricerca dell’immobile perfetto per le loro esigenze, sulla base delle
preferenze espresse.
Il vantaggio di questa piattaforma online, rispetto ad altre soluzioni, sta nella praticità di
gestione
di tutta la procedura contrattuale e nelle garanzie che offre ai proprietari degli
immobili, dal punto di vista dei pagamenti.
La speciale protezione Zappyrent, infatti, assicura a questi ultimi l’accredito del
canone
ogni mese, a prescindere dall’effettivo versamento dello stesso da parte
dell’inquilino.
Senza dubbio un plus che permette a molti proprietari di dormire sonni più tranquilli.

Pubblicità

Pubblicità