Si apre una novità sul fronte pensioni.

Neutralizzazione degli anni di disoccupazione

Per i lavoratori usciti dal mondo del lavoro, penalizzati da alcuni periodi di disoccupazione nei cinque anni precedenti il primo trattamento ricevuto, potrà essere richiesta la cancellazione in modo da ottenere un assegno più alto. Questo può essere fatto solo se, quegli anni non siano necessari per accedere al requisito minimo

Le pensioni interessate

Il ricalcolo si potrà chiedere, spiega l’Inps, per “le pensioni di vecchiaia e di anzianità liquidate con il sistema di calcolo retributivo, nonché – relativamente alla quota retributiva – le pensioni di vecchiaia e di anzianità liquidate con il sistema di calcolo misto”.

L’Inps inoltre precisa che i periodi di contribuzione per disoccupazione sono quelli derivanti dall’avvenuta erogazione dei determinate prestazioni:

  • Indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti normali;
  • Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI);
  • Indennità di disoccupazione ai lavoratori rimpatriati e indennità di disoccupazione agricola con requisiti normali e con requisiti ridotti
  • Indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti
  • Assicurazione Sociale per l’Impiego (AspI), mini-AspI

Per ottenere il ricalcolo occorrerà presentare domanda all’Inps, che provvederà a fornire le istruzioni attraverso una specifica circolare.

Pubblicità

Pubblicità