All’interno delle misure adottate dagli Stati membri per il raggiungimento degli obiettivi strategici, si inserisce la Carta Europea della disabilità.

Cos’è

Si tratta di un progetto finalizzato all’introduzione dei una tessera che permette l’accesso alle persone con disabilità ad una serie di servizi gratuiti, o a costo ridotto in materia di cultura, trasporti e tempo libero sul territorio nazionale.

L’obiettivo della carta, è quello di garantire una piena inclusione nella vita sociale e culturale delle persone con disabilità, in reciprocità e coerenza con gli altri Paesi europei aderenti.

Lo strumento sotto forma di card, dovrà essere uguale per tutti i Paesi aderenti e rilasciata su specifici requisiti.

Come funziona

Il possesso della Disability card esonera dall’esibizione di ogni altro certificato che attesti l’appartenenza alle categorie protette ammesse, consentendo direttamente l’accesso agevolato ai servizi a disposizione.

Le agevolazioni sono attivate mediate protocollo d’intesa o convenzioni tra la Presidenza del Consiglio e i soggetti pubblici o privati, coerenti con le finalità e i requisiti dell’iniziativa.

Per poter beneficiare gratuitamente o a prezzo ridotto, le persone con disabilità dovranno dimostrare la propria condizione esibendo:

  • Codice fiscale,
  • Qr code;
  • Un documento di identità.

La card sarà valida sia sul territorio nazionale, ma anche all’interno di tutti gli stati membri dell’Unione Europea

Le categorie che possono richiedere la Disability Card

Nonostante si stiano attendendo i dettagli, è comunque possibile prevedere alcune categorie potrebbero che rientrare in questa agevolazione:

  • Invalidi civili minorenni divisi in:
    • Disabili medi: ovvero Minori con difficoltà persistenti a svolgere funzioni e compiti della loro età con diritto all’indennità di frequenza.
    • Disabili gravi: minori con difficoltà persistenti in cui ricorrono le condizioni di cui alla Legge 449/1997:
  • Invalidi civili tra 18 e 65 anni:
    • Disabili gravi: totalmente inabili;
    • Non autosufficienti: persone con età tra 18 e 656 anni con diritto all’indennità di accompagnamento; Invalidi civili ultra 65enni con disabilità grave: ultra 65 enni con difficoltà persistenti a svolgere funzioni e compiti della loro età ovvero inabili al 100%;
    • Disabili medi: con difficoltà persistenti a svolgere funzioni e compiti della loro età, ovvero tra 67 e 99%;
    • Non autosufficienti: ultra 65enni con diritto all’indennità di accompagnamento.

A queste categorie si aggiungono i sordi e i ciechi civili, trattamenti di privilegio ordinari e di guerra, infine disabili INPS ed INAIL.

Come richiedere la Card

La Diability Card si potrà chiedere all’INPS a cui è stato dato il compito di verificare la corrispondenza delle informazioni del cittadino con i requisiti richiesti. Una volta accertato il possesso dei requisiti, l’Inps affida la produzione della Card all’Istituto poligrafico Zecca dello Stato. Nei 60 giorni successivi alla richiesta verrà recapitata all’indirizzo del richiedente.

La durata

Sostanzialmente la Disability card varrà per tutta la durata della disabilità stessa, ma comunque non più di 10 anni, al termine dei quali potrà previa verifica dei requisiti potrà esserne richiesto il rinnovo.

L’inps potrà in qualsiasi momento, valutare e verificare la sussistenza dei requisiti per il mantenimento della card, pena la revoca.

Pubblicità

Pubblicità