Sono stati resi noti tutti i dettagli per poter fare domanda del bonus trasporti a partire dal 1° settembre.

Era stato anticipato nei mesi scorsi, quando il Governo Draghi aveva parlato di introdurre una nuova misura che fronteggiasse le esigenze di tantissimi italiani in vista dell’autunno.

Inizialmente, l’idea era quella di garantire un aiuto concreto alle persone che per vari motivi utilizzano il trasporto pubblico per muoversi. Con l’introduzione del Bonus trasporti, l’obiettivo è quindi quello di sostenere economicamente i cittadini economicamente più svantaggiati.

Bonus trasporti, a quanto ammonta e quali sono i beneficiari

Per questa agevolazione, sono statati stanziati 79 milioni di euro in favore di tutti quei contribuenti che utilizzano i mezzi pubblici per raggiungere il luogo di lavoro.

In vista delle prossime elezioni, sono stati predisposti i decreti attuativi che permettono di mettere in moto questo bonus.

Da qui, possono essere ricavati tutti i dettagli sulla platea di beneficiari, ma anche di quanto effettivamente sarà il bonus.

Di fatto, si tratta di un sostegno rivolto non solo ai lavoratori, m anche a pensionati e  studenti che usufruiscono quotidianamente dei servizi di mobilità locale.

In molti casi, il buono potrà coprire il 100% della spesa e sarà riconosciuto con un limite massimo di 60 euro.

Bonus trasporti, come ottenerlo e quando presentare la domanda

L’agevolazione potrà essere spesa per l’acquisto di un solo abbonamento (sia esso annuale, mensile o relativo a più mensilità) da richiedere nel mese in cui si è ottenuto il bonus.

Infatti, il periodo di validità dell’agevolazione è limitato ai 30 giorni specificati al momento dell’emissione. Questa regola vale, anche se si effettua l’acquisto di un abbonamento periodico o annuale  che parte dal mese successivo.

Essendo nominativo, ciascun beneficiario potrà chiedere un solo Bonus trasporti al mese entro il 31 dicembre 2022 o fino all’esaurimento delle risorse stanziate.  Nel dettaglio, avranno accesso al bonus le persone fisiche che nell’anno 2021 hanno conseguito un reddito complessivo non superiore a 35mila euro.

Per poter fare domanda, è stato creato un portale ad hoc, al momento ancora offline, (www.bonustrasporti.lavoro.gov.it) ma sicuramente attivato entro settembre.

Come sempre,  al portale si accede tramite SPID o CIE, fornendo poi le dichiarazioni sostitutive di autocertificazione richieste e indicando l’importo del bonus a fronte della spesa prevista. Inoltre, sarà necessario specificare il gestore del servizio di trasporto pubblico che si utilizza. Le domande partiranno dal 1° settembre 2022.

Pubblicità

Pubblicità