Tra le novità introdotte nella legge di Bilancio figurano anche alcune misure rivolte a determinate categorie di lavoratori, come il Bonus lavoratori fragili.

Bonus lavoratori fragili, cos’è

Per l’agevolazione sono stati stanziati 5 milioni di euro, che permettono ai lavoratori fragili di ottenere un’indennità di 1000 euro una tantum.

In particolare, in favore di quei lavoratori che abbiano raggiunto il limite massimo indennizzabile di malattia o che si siano assentati per almeno un mese dal lavoro.

Requisiti per l’agevolazione

Per poter beneficiare del bonus è necessario rispettare alcuni requisiti:

  • Essere lavoratore dipendente del settore privato;
  • Essere stati destinatari nel 2021 della tutela riservata ai lavoratori fragili inserita nel Decreto Cura Italia;
  • Avere il riconoscimento di disabilità con gravità o una certificazione rilasciata da organi medico legali competenti che attesti una condizione di rischio a causa delle patologie;
  • Aver raggiunto il limite massimo indennizzabile di malattia;
  • Non poter lavorare in modalità agile;
  • Essere stati assenti dal servizio per almeno un mese.

Presentazione della domanda

Le domande saranno gestite dall’Inps che al momento non ha chiarito le modalità per la presentazione delle domande.

Quello che è certo, è che per accedere al bonus, oltre a fare parte delle categorie di lavoratori fragili, è indispensabile essere stati assenti dal lavoro per minimo un mese.

Inoltre, il sostegno non verrà erogato in modo automatico, ma solo previa presentazione della domanda. Visti i fondi piuttosto limitati, sarà molto probabilmente che nel momento in cui saranno aperte le domande scatterà un click day per richiedere il bonus.

Pubblicità

Pubblicità