Parte il bonus per l’installazione di sistemi solari green, ecco chi e come può fare domanda.

Da poco, l’Agenzia delle entrate ha pubblicato tutte le regole necessarie per accedere al credito d’imposta, riconosciuto per le spese di installazione di sistemi di accumulo dell’energia collegati ad impianti alimentati da fonti rinnovabili, come ad esempio, i pannelli fotovoltaici.

Quella del bonus fotovoltaico è un’agevolazione prevista dalla Legge di Bilancio 2022, per le spese sostenute quest’anno (2022).

Gli obiettivi del bonus

Spingere il più possibile verso l’autoconsumo, è quello uno degli obiettivi dell’agevolazione, soprattutto perché esistono batterie capaci di immagazzinare l’energia non utilizzata durante il giorno. Questo permette di rendere disponibile l’eccesso accumulato durante gli orari serali, ovvero quando i pannelli non sono più produttivi.

Sempre più persone scelgono il fotovoltaico

Rincari dell’energia e la ricerca di soluzioni alternative, sarebbero questi alcuni dei motivi per cui sempre più persone scelgono il fotovoltaico.

A sostenere la necessità di utilizzare sempre più rinnovabili, anche l’Amministratore Delegato di Enel che ammette come affiancare l’utilizzo del gas alle rinnovabili possa essere una soluzione utile, soprattutto se vengono usate le batterie di accumulo.

Le regioni dove gli impianti fotovoltaici sono più numerosi sono, nel Nord Italia. Degli 880mila impianti presenti a livello nazionale, oltre 135mila si trovano in Lombardia, con il 15,4% del totale italiano, seguita dal Veneto, che conta circa 120mila impianti (pari al 14,1%).

Chi può accedere al Bonus fotovoltaico

Il Bonus fotovoltaico è destinato alle persone fisiche che, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, sostengano spese documentate, per l’installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili (anche se già esistenti) e beneficiari degli incentivi per lo scambio sul posto.

Il bonus emesso, sotto forma di credito di imposta, sarà utilizzabile nella dichiarazione dei redditi 2023, in diminuzione delle imposte dovute.  L’eventuale somma non utilizzata potrà essere fruita comunque nelle dichiarazioni successive.

Al momento, non si conosce la percentuale del credito d’imposta per ciascun soggetto. L’Agenzia delle Entrate infatti, la renderà nota con un successivo provvedimento. In ogni caso, si calcola che la percentuale è ottenuta comunque sulla base del rapporto tra l’ammontare delle risorse stanziate ( 3 milioni)  e l’ammontare complessivo delle spese agevolabili indicate nelle domande.

Come e quando presentare la domanda per il bonus fotovoltaico

La domanda per il Bonus fotovoltaico andrà inviata a partire  1° marzo, fino al 30 marzo 2023 esclusivamente online, utilizzando il portale disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate. In caso di difficoltà, questo potrà essere fatto anche attraverso un intermediario.

Successivamente, entro 5 giorni dall’invio della domanda, verrà rilasciata una ricevuta che attesta la presa in carico della domanda e in caso di scarto le eventuali motivazioni.  

Pubblicità

Pubblicità