Oltre ai lavoratori, esiste la possibilità in cui, anche i nonni pensionati possono richiedere gli assegni famigliari.

Assegni famigliari ai nonni

Ai fini di riconoscimento degli assegni famigliari, il nucleo famigliare oltre che dal lavoratore o pensionato richiedente è definito anche da:

  • figli ed equiparati minorenni e non;
  • figli ed equiparati maggiorenni ed inabili; fratelli, sorelle, nipoti maggiorenni o minori inabili al lavoro che risultino orfani di entrambi i genitori.

Di conseguenza, i nonni possono richiedere gli assegni famigliari se i loro nipoti minori e maggiorenni inabili, risultino orfani di entrambi i genitori e fiscalmente a carico loro.

Assegni famigliari ai nonni, i casi possibili

I nonni quindi, possono richiedere l’assegno famigliare per i nipoti a patto che questi risultino a loro carico e rispettare alcune condizioni:

  • I genitori dei minori o degli inabili, per i quali si richiedano gli assegni famigliari per il nucleo famigliare non devono avere redditi. Di conseguenza, non spettano nel caso in cui uno dei due genitori abbia un lavoro;
  • I nonni devono provvedere abitualmente al mantenimento dei nipoti. In questo caso il mantenimento si considera presunto nel caso nonni e nipoti siano conviventi.
  • Diversamente, il pensionato dovrà attestare attraverso autocertificazione ( dichiarazione sostitutiva di atto notorio) di provvedere al mantenimento dei nipoti;
  • Essendo a carico dei nonni, i nipoti, anche minorenni, devono aver posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2840,51 euro.

Come ottenere gli assegni famigliari sulla pensione

Nel caso in cui tutte queste condizioni vengono rispettate, è possibile inoltrare la domanda all’inps per il riconoscimento degli assegni famigliari sulla pensione anche per i nipoti.

Un incentivo utile soprattutto ultimamente dove, sempre più famiglie affaticate dal peso delle uscite economiche si trovano costrette a vivere insieme ai nonni.

Pubblicità

Pubblicità