Il governo ha stanziato 100 milioni di euro del PNRR per interventi a favore delle imprese femminili e non solo.

Si tratta di un’agevolazione creata dal Ministro dello sviluppo economico per promuovere, su tutto il territorio nazionale, la diffusione di nuova imprenditorialità attraverso nuovi aiuti alle imprese.

I beneficiari

Non tutti possono accedere a questa agevolazione in fatti, la misura è riservata determinate categorie d imprese:

  • Startup innovative, iscritte nell’apposita sezione speciale del registro imprese. Le startup devono essere costituite da non più di 60 mesi dalla data di presentazione della domanda e devono essere classificabili di piccola dimensione.
  • Persone fisiche che intendono costituire una startup innovativa. Per questo caso la costituzione della società deve intervenire entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni
  • Imprese straniere che creano almeno una sede operativa sul territorio italiano.

Progetti ammissibili

Tra le attività ammissibili, anche piani di impresa relativi alla produzione di beni e l’erogazione di servizi che abbiano almeno una delle caratteristiche seguenti:

  • Progetti con determinate contenuto tecnologico e innovativo
  • Sviluppo di servizi, prodotti o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale e  della blockchain
  • Valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca privata e pubblica. In questo caso i piani d’impresa possono essere realizzati anche in collaborazione con organismi di ricerca, acceleratori di impresa.

Cosa viene finanziato

Smart&Start Italia finanzia piani d’impresa, di importo compreso tra 100 mila euro e 1,5 milioni di euro e in a particolare alcune categorie di spesa qui consultabili.

  • immobilizzazioni immateriali necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, quali brevetti, marchi e licenze, certificazioni, know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate, correlate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa
  • servizi funzionali alla realizzazione del piano d’impresa, direttamente correlati alle esigenze produttive dell’impresa (progettazione, sviluppo, personalizzazione e collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche, servizi forniti da incubatori e acceleratori d’impresa e quelli relativi al marketing e al web-marketing, costi connessi alle collaborazioni instaurate con organismi di ricerca ai fini della realizzazione del piano d’impresa)

I piani di impresa interessati, devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda e devono essere conclusi entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Le agevolazioni disponibili

Le agevolazioni disponibili per le start up che richiedono questo finanziamento: Variano tra finanziamento agevolato, servizi di tutoraggio, conversione di una quota di finanziamento agevolato ottenuto a fondo perduto.

Ovvimente, le misure delle singole agevolazioni cambia, in base a diverse caratteristiche dell’imprese. Ad esempio dal tipo di start up, dal numero di componenti femminili al suo interno e alla posizione geografica e operativa in Italia.

Nel dettaglio è possibile trovare tutte le agevolazione all’area dedicata

Come funziona e come fare domanda

La società Invitalia si occupa della gestione delle agevolazioni,  gestisce anche le domande, la concessione ed erogazione delle agevolazioni e l’effettuazione di monitoraggi, ispezioni e controlli.

I piani vengono categorizzati ispezionati secondo determinati criteri

  • Adeguatezza delle competenze tecniche, organizzative e gestionali richieste dall’attività imprenditoriale
  • carattere innovativo dell’idea alla base del piano di impresa, in riferimento alla introduzione di un nuovo prodotto e/o servizio, ovvero di nuove soluzioni organizzative o produttive
  • sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, anche tenuto conto delle prospettive del mercato di riferimento al quale l’impresa proponente rivolge la propria offerta, ovvero del potenziale nuovo mercato individuato
  • fattibilità tecnologica e operativa del piano d’impresa.

Le domande possono essere presentate esclusivamente in modalità online, attraverso la procedura informatica messa a disposizione sul sito internet.

Pubblicità

Pubblicità