Il tema della salute e della sicurezza sul lavoro si è sviluppato tanto da diventare sia uno degli aspetti fondamentali per una corretta gestione aziendale, ma anche da occupare un posto di rilievo nei principali dibattiti istituzionali.

L’importanza dell’argomento si è riflessa con l’apertura di incentivi a fondo perduto, attraverso il Bando ISI 2020 destinati ad imprese che mettono in atto progetti di prevenzione e sicurezza sul lavoro promosso dall’INAIL.

Bando Isi 2020, a chi si rivolge:

A partire dal 1 giugno 2021, tutte le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, agricoltura ed artigianato e gli Enti del Terzo settore, possono richiedere l’accesso ai fondi, destinati a realizzare progetti di miglioramento di salute e sicurezza dei lavoratori.

Restano escluse solo le micro e piccole imprese agricole a cui è destinato un bando specifico, ISI agricolutra 2019 – 2020.

211 sono i milioni messi a disposizioni, con un finanziamento che si divide in 4 assi e avverrà in conto capitale al netto dell’IVA nella misura del 65% delle spese, fino ad un massimo erogabile di 130 mila euro.

Le classificazioni di finanziamento:

  • Primo asse di finanziamento: Progetti di investimento e i progetti per l’adozione di modelli organizzativi per la responsabilità sociale.
  • Secondo asse di finanziamento: include progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi.
  • Terzo asse di finanziamento: progetti di bonifica materiali contenenti amianto.
  • Quarto asse di finanziamento: Progetto per piccole e micro imprese operanti in specifici settori di attività.

Bando Isi 2020: Come iscriversi

L’apertura della procedura informatica sul sito istituzionale dell’Inail, sarà disponibile dal 1 giugno 2021 fino al 15 luglio 2021 alle ore 18,00, accedendo al portale nella sezione “ Accedi ai servizi online”.

La domanda compilata e registrata in modalità telematica dovrà poi essere inoltrata allo sportello informatico per l’acquisizione dell’ordine cronologico.

Infatti, entro 14 giorni dall’apertura dello sportello per le iscrizioni saranno pubblicati gli elenchi provvisori, in cui sarà previsto l’upload della documentazione e contestualmente verrà indicata anche la data degli elenchi definitivi.

Pubblicità

Pubblicità